Tifo Granata
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Il pagellone di metà campionato: gli attaccanti

Zapata 6: la sua presenza in campo si sente, il Toro ha fatto un balzo non indifferente nella pericolosità offensiva. Mancano, però, un po’ di gol, perché da uno come lui se ne aspettano più di 4 in 15 gettoni. Il salto di qualità di tutta la squadra nella seconda parte di campionato passa anche e soprattutto da lui.

 

Sanabria 5,5: forse aveva abituato fin troppo bene con le 12 reti dell’anno scorso, un record assoluto nella sua carriera. Ad oggi, però, è fermo a due e pure senza assist, quindi il giudizio non può che essere al di sotto della sufficienza. Il paraguayano deve tornare ad essere quello della passata stagione anche per dare più palloni a Zapata.

 

Pellegri 6: ad inizio campionato aveva trovato una certa continuità di minutaggio, poi però si è fermato a causa dei nuovi problemi fisici che lo tartassano da sempre. Non si è ancora sbloccato, ma ha ancora tutto il tempo per dimostrare di essere una valida alternativa: alla fine, è pur sempre un classe 2001…

 

Radonjic 6: è la vera contraddizione di questo Toro: per media di minuti giocati e gol realizzati non ha rivali, eppure è ai margini del Toro per un rapporto elettrico con Juric. Restringendo il campo solo su ciò che ha fatto vedere, però, il 6 se lo prende, perché tre reti in poco meno di 400 minuti è un dato discreto. A livello di maturazione, però, proprio non ci siamo.

 

Vlasic 5,5: il suo percorso è simile a quello di Ricci: l’anno scorso era un trascinatore, oggi sta trovando enormi difficoltà. Sembrava che si fosse sbloccato contro il Sassuolo, ma quello di inizio novembre rimane il suo unico gol di questo campionato. Ha l’alibi di essere tornato ad agosto inoltrato sotto la Mole, ora deve tornare quello del 2022/2023.

 

Seck 5: è a tutti gli effetti un attaccante, o comunque un esterno con qualità prettamente offensive, ma in 37 gare totali con il Toro non ha mai messo a referto né gol né assist. Juric gli ha dato enorme fiducia ad inizio stagione, il senegalese non l’ha mai ricambiata con prestazioni quasi mai sufficienti. Ora con il cambio di modulo è quasi sparito dai radar, potrebbe anche salutare a gennaio.

 

Karamoh sv in 195 minuti totali tra campionato e coppa Italia era impossibile fare qualcosa: è partito titolare solo all’esordio, poi è pian piano retrocesso nelle gerarchie. Un peccato, perché l’anno scorso qualche gol pesante lo aveva anche segnato.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Articoli correlati

I granata si aggrappano al bomber colombiano per tornare a vincere in casa: ultimo successo...
Ora tocca a voi scegliere l'undici granata contro la viola...
Attesa più tiepida del solito, ma ancora una volta ci sarà un bel colpo d'occhio...
Tifo Granata